Rassegna stampa

                 

Chiaravalle fa festa con i suoi baby
Da 42 anni il Pedale del presidente Cardinali svolge una funzione sportiva e sociale
PAOLO PlAZZINI
Per il ciclismo quello dicembrino è il tempo delle feste e anche la gloriosa società ciclistica Pedale Chiaravallese ha tenuto fede al tradizionale appuntamento di fine anno, che si è tenuto a Santa Maria Nuova presso il ristorante Villa d'Este. E' stato un ritrovo di fine stagione, incentrato anzitutto sulla premiazione degli atleti, che serve anch'esso per mantenere sempre viva e fiorente un'attività che dura ormai da più di quaranta anni, dato che il sodalizio di Chiaravalle sorse nel 1969, partendo da una iniziale base amatoriale, e da allora ha calcato ininterrottamente le scene del ciclismo, operando sempre in maniera molto fattiva ed incisiva sopratutto a livello promozionale e giovanile. C'è da dire che nella storia del Pedale Chiaravallese un ruolo molto incisivo l'ha avuto Lino Secchi, che tutti conoscono come dirigente regionale e poi nazionale (fu vicepresidente della Fci) e che per vari anni ha dato impulso alla società come valente presidente. Ma è giusto sottolineare che il Pedale Chiaravallese si è sempre fatto apprezzare anche per la sua innata vitalità e per la sempre numerosissima base di soci e di atleti e che ha sempre avuto una vita rigogliosa al di là della capacità dei dirigenti che si sono alternati in questi otto lustri nella sua conduzione. Alla festa di fine stagione facevano gli onori di casa il presidente Giulio Cardinali con tutti i vari dirigenti, Giorgio Toccaceli, sponsor storico del sodalizio, affiancato dal figlio, lo stesso Lino Secchi, l'ex-corridore di sempre Pierino Fava, mentre per il Comune di Chiaravalle era presente Cristina Ciciani, assessore al lo Sport. E non poteva mancare, come festeggiatissimo padrino, il giovane professionista Simone Stortoni, che probabilmente è il prodotto più importante in assoluto del vivaio chiaravalIese e che è sempre legatissirno alla società, dove peraltro tutto il suo nucleo familiare e altri parenti stretti svolgono un ruolo massiccio e importante. Facendo un rendiconto della stagione 2011,corne sempre si è ben comportata la squadra dei giovanissimi, cornposta.da oltre venti ragazzini, guidati da Giovarmi Savini, Gabriele Polzonetti, Lamberto Barigelli, Giulia Stortoni e Giannetto Maiolatesi. Tra gli esordienti, diretti da Davide stortoni e Ivano Campanelli, i migliori sono stati Giovanni Kasozi, Matteo Scotini, Andrea Russo e la ragazzina Agnese Quagliani, campionessa regionale e in buona luce nel campionato italiano. Nella squadra degli allievi., che era affidata a Roberto Pesaresi e Maurizio Stortoni, si sono fatti valere Luca Giontarelli, Leonardo Quagliani, Marco Caimmi e Diego Canari. Sempre molto intensa è stata anche l'attività organizzativa del Pedale Chiarav.allese, che ha messo in cantiere ben tredici manifestazioni di tutti i vari generi e categorie. Tra queste vanno rimarcate il tradizionale Trofeo della Liberazione una grande manifestazione che nella giornata del 25 aprile dà spazio a tutte le varie categorie giovanili e che ne1 2011 è giunto alla sua trentanovesima edizione, e la Gran Fondo del Conero Cinelli, una manifestazione di vertice nel suo genere, con partenza ed arrivo ad Ancona, che soltanto di recente è passata sotto le cure del club di Chiaravalle. Aggiungiamo in conclusione che la folta e vivace schiera della società ciclistica Pedale Chiaravallese comprende anche una quindicina di appassionati cicloturisti e amatori, senza contare il collaudato gruppo delle staffette in moto, di direttori di corsa Albino Stonarti e Bruno Lucchetti, anche loro festeggiatissimi.

Articolo del giorno 25/4/2009   (ciclo marche news)

TROFEO DELLA LIBERAZIONE A CHIARAVALLE: FEDERICO SOCCI E FABIO TUZI VINCONO ANCORA, FESTA PER 400 CICLISTI

Un 25 aprile coinvolgente nel verde del Parco Primo Maggio. Lo ha proposto il Pedale Chiaravallese per la 37^ edizione del Trofeo della Liberazione richiamando quasi 400 giovani ciclisti che per tutta la giornata hanno gareggiato e vissuto un’esperienza di gioco ed amicizia con amici, dirigenti e famiglie. La classifica scampagnata del 25 aprile abbinata alla bicicletta. La Pro Loco di Chiaravalle ha infatti allestito uno stand gastronomico ma tante società si sono organizzate per un picnic sul prato.

Giovanissimi impegnati nella gincana, nella velocità e nel duatlhon. Il Circolo Senza Testa Osimo ha vinto la classifica per il maggior numero di partecipanti (26) di stretta misura sulla Scuola di Ciclismo Potentia Rinascita (23), terza l’Alma Juventus Fano (19), quindi Tre Emme Morrovalle, Pianello Cicli Cingolani, Perla dell’Adriatico e La Montagnola. Perla dell’Adriatico Grottammare squadra leader per i migliori punteggi (27), secondo posto per La Montagnola Porto Sant’Elpidio (23), terza posizione a pari merito con 20 punti per Circolo Senza Testa Osimo, Free Photobike Team e Potentia Rinascita. A livello individuale vittorie di Michael Schiavoni (Circolo Senza Testa Osimo) e Giorgia Simoni (La Montagnola) nella G1, Nicholas Malizia (Perla dell’Adriatico) e Manuela Stortoni (Pedale Chiaravallese) nella G2, Matteo Marini (Perla dell’Adriatico) e Laura Doria (La Montagnola) nella G3, Francesco Pirro (Free Photobike Team) e Fiama Scocco (Tre Emme Morrovalle) nella G4, Leroy Dubini (Circolo Senza Testa Osimo) e Monica Verdenelli (Free Photobike Team) nella G5, Christian Nepa e Laura Angelici della Perla dell’Adriatico nella G6. Nel pomeriggio le gare di Esordienti e Allievi, concluse tutte in volata con uno sprint di nove fuggitivi tra gli Allievi. Assegnati i Memorial Marco Stimilli, Roberto Pesaresi e Daniele Maiolatesi.
Articolo del giorno 24/4/2009   (corriere Adriatico)
Stand gastronomici per l’iniziativa
Trofeo della Liberazione al parco Primo Maggio


Chiaravalle L’unico timore è per le condizioni metereologiche. Per il resto il 37° Trofeo della Liberazione di ciclismo in programma oggi al Parco Naturale Primo Maggio si appresta ad essere un momento di sport e di festa per centinai di piccoli ciclisti e le loro famiglie, accolti dal Pedale Chiaravallese e dalla Pro Loco che predisporrà stand gastrononici con le specialità tipiche della ricorrenza del 25 aprile. Si parte alle 9,30 con i Giovanissimi, i più piccoli, bambine e bambini dai 6 anni che oltre alle consuete prove della gimkana e degli sprint avranno la possibilità di avvicinarsi al duatlhon, con due momenti agonistici, quello della mountain bike e quello della corsa a piedi. Alle 14 toccherà agli Esordienti del primo anno, alle 15 spazio agli Esordienti del secondo anno, alle 16 il momento clou con la corsa degli Allievi, con oltre cento ragazzi iscritti, marchigiani, abruzzesi, umbri ed emiliano romagnoli che daranno sicuramente vita ad una gara avvincente, con probabile arrivo in volata come è capitato domenica scorsa nella zona industriale di Corridonia quando ad emergere è stato Federico Socci del Pedale Chiaravallese. Gli sportivi di Chiaravalle sperano nel bis del promettente ragazzo del posto, anche per rinverdire una tradizione favorevole ai ciclisti del Pedale Chiaravallese nelle precedenti edizioni del Trofeo della Liberazione.
Articolo del giorno 20/4/2009   (corriere Adriatico)
L’allievo del Pedale Chiaravallese batte in volata i migliori atleti di tre regioni
Socci, sprint irresistibile a Corridonia


Chiaravalle Boom boom Federico Socci al meeting giovanile di Corridonia. L'allievo del Pedale Chiaravallese ha conquistato una entusiasmante vittoria superato in volata l'agguerrita concorrenza dei migliori pari età di Marche, Umbria e Abruzzo (88 al via), che hanno raggiunto la zona industriale di Corridonia per misurarsi su un percorso pianeggiante di 2 chilometri ripetuto 25 volte fino a coprire la distanza complessiva di 50 chilometri.

Gara bloccata, con la pioggia ed il freddo ad infastidire i ragazzi. Socci si è fatto vedere spesso in testa al gruppo, ha provato anche un allungo con altri ragazzi ma non ci sono mai stati margini per guadagnare qualche secondo e così ci si è preparati per il volatone a ranghi compatti sull'ampio rettilineo d'arrivo.

Volatone interpretato con intelligenza dalla maglia verde del Pedale Chiaravallese che è emerso in modo netto, facendo valere la forza fisica e lo scatto sull’insidioso Pasqualino Nista del Team Ceci Ascoli Piceno e Francesco Facante della Rinascita Porto Potenza Picena. “Una bella vittoria, sono molto contento, ci voleva proprio - ha commentato lo stesso Socci -. Non si poteva fare altro che arrivare in volata, l’ho impostata bene, sentivo che potevo farcela ed ho pedalato più forte che potevo. Dedico questa vittoria alla società, ai tecnici, ai compagni e alla mia famiglia. Adesso mi piacerebbe ripetermi sabato nella gara di Chiaravalle, sarebbe fantastico ma bisogna restare con i piedi a terra perchè anche a Chiaravalle ci saranno tanti ragazzi bravi.

Soddisfazione per il vice presidente del Pedale Chiaravallese, Marco Belardinelli, i direttori sportivi ed i tanti ragazzini dei giovanissimi che hanno tifato non essendosi disputata a causa della pioggia la corsa loro riservata a Porto Sant'Elpidio. Questo l’ordine di arrivo della gara di Corridonia, primo memorial Adelio Capellini: Federico Socci (Pedale Chiaravallese) 50 chilometri in 1’13, media 41,096, Pasqualino Nista, Francesco Focante, Michele Magnamassa, Lorenzo Marinozzi, Michele Cardinali, Antonello Colecchia, Lorenzo Brignoccolo, Nico Lippi, Davide Ceci.

Articolo del giorno 25/11/2008 Jesi-Fabriano Sport  (corriere Adriatico)  
 
Quando lo sport non ha età

Giovanni Savini ha 54 anni è ha partecipato a dieci Gran Fondo entrando nella Top 90Direttore sportivo del Pedale Chiaravalleè tecnico-allenatore del settore Giovanissimi
Ciclismo
Quando lo sport non ha età


CHIARAVALLE - Lo sport vive anche di storie semplici ma esaltanti come quella di Giovanni Savini, chiaravallese di 54 anni con una grande passione per il ciclismo, disciplina povera, semplice ma da sempre ricca di fascino.

Savini è un atleta tenace. E’ anche direttore sportivo del Pedale Chiaravallese, società nella quale oltre ad essere persona di riferimento, segue e prepara la categoria Giovanissimi (bambini e bambine dai 6 agli 11 anni) da ben 15 anni. Preparato, disponibile e generoso, è riuscito negli ultimi anni a conciliare l’attività di tecnico con quella di atleta ciclista, e durante la stagione 2008 ha partecipato alle dieci gara di gran fondo a carattere internazionale che fanno parte dello scudetto “Prestigio di cicloturismo”. Si tratta della Gran Fondo Selle Italia, Gf 10 Colli Bolognesi, Gf Felice Gimondi, 9 Colli, Gf Campagnolo, Maratona des Dolomites, Gf Carnia Classic Zoncolan, Gf Pinarello, Oetzataler Radmarathon (Austria), Gf Colnago.

La costanza e la straordinaria passione per questo sport, hanno portato Giovanni Savini - all’età di 54 anni - a raggiungere ottimi risultati. Infatti è entrato a far parte dei 90 atleti che hanno centrato il grande obiettivo di completare tutte le prove, e nella Gran Fondo Pinarello, su un percorso di 209 chilometri, è riuscito a piazzarsi al 6° posto di categoria.

Giovanni è stimato da tutti e raccontato come atleta e persona di eccellenti umanità e correttezza, esempio sportivo a 360 gradi, sia nell’educazione dei bambini: all’uso tecnico della bicicletta, all’approccio con una corretta alimentazione per crescere sani, al rispetto degli altri attraverso i più alti valori dello sport, ma anche come instancabile lavoratore quando c’è da organizzare gare o gestire la pista ciclabile, attività che richiede fatica fisica e sudore.

“Sono molto contento di aver raggiunto il traguardo della partecipazione a tutte le prove del Prestigio - racconta Giovanni con gli occhi che gli brillano -. E’ stata una vera fatica percorrere così tanti chilometri, prima per raggiungere le sedi di gara ma soprattutto per pedalare fino all’arrivo. C’è stato bisogno di un allenamento costante. E’ stata un pò una sfida a me stesso - prosegue il campione - alla possibilità di tenersi in forma anche quando non si è più giovani. Probabilmente è la frequentazione dei ragazzini che mi dà l’energia per proseguire l’attività amatoriale. Ho la fortuna di allenare un fantastico gruppo di ragazzini - conclude -, con famiglie molto brave alle spalle, che lavorano con attenzione per educare e crescere come si deve i figli, interagendo con la scuola e con noi per l’educazione sportiva”.

Giovanni Savini, 54 anni, rappresenta i valori più sani dello sport praticato, diretto, e applicato ai ragazzini. Un esempio, soprattutto per le società.
Articolo del giorno 21/11/2008 Jesi-Fabriano Sport  (corriere Adriatico)    
Un anno di successi


Pedale Chiaravallese domenica in festa
Un anno di successi


CHIARAVALLE - Giornata di festa per il Pedale Chiaravallese che domenica riunisce dirigenti, giovani atleti, famiglie e sponsor per il pranzo sociale al “Capriccio” di Falconara. Un’altra festa dopo il pomeriggio di grandi emozioni per Simone Stortoni, passato al professionismo. Per la prima volta Chiaravalle approda nel mondo del professionismo con un ragazzo nato e cresciuto a Chiaravalle, esponente di una famiglia che ha il ciclismo nel dna. Simone Stortoni rappresenta la punta di diamante di un movimento in crescita, coordinato dal presidente Marco Belardinelli, che nella giornata di domenica racconterà i momenti significativi del 2008 e delineerà i programmi per la nuova stagione. Massima attenzione ai Giovanissimi, ai piccolini (e piccoline) dai 6 anni in su, seguiti da Giovanni Savini. Poi gli Esordienti, allenati da Davide Stortoni e Ivano Campanelli. Quest’anno Paolo Giontarelli ha vinto nuovamente il titolo provinciale di categoria nella gara che si è svolta a Monsano. Anche gli Allievi hanno festeggiato una maglia di campione provinciale con Giacomo Barigelli nella corsa di Staffolo, sotto la pioggia e tra mille difficoltà.
    Articolo del giorno 04/05/2008 Jesi-Fabriano Sport  (corriere Adriatico)    
    Il Pedale punta sugli Esordienti
Ciclismo
Il Pedale punta sugli Esordienti


CHIARAVALLE - Dopo l’ottimo successo del Trofeo della Liberazione, il Pedale Chiaravallese si concentra sulla gara per Esordienti di Monsano e sull’appuntamento in calendario per il 22 giugno al lago Castriccioni di Cingoli con il Trofeo Fratelli Pieralini di triathlon, sprint di mountain bike e kids. Una manifestazione che la società guidata da Marco Belardinelli promuove in collaborazione con il Coni e il Comune di Cingoli. A precedere le gare un convegno su alimentazione e uso di integratori per conoscere la EthicSport. “Il triathlon ci sta regalando grandi soddisfazioni e questa gara serve per farlo apprezzare sempre più - spiega Marco Belardinelli -. Il lago di Castriccioni è un luogo incantevole... Dopo Monsano, Monte San Vito, Cassiano di Montemarciano arriviamo anche a Cingoli. Un impegno notevole ma stimolante”.
Articolo del giorno 29/04/2008 Jesi-Fabriano Sport  (corriere Adriatico)  
Chiaravalle, la carica dei 400

CICLISMO
Chiaravalle, la carica dei 400


CHIARAVALLE - Ancora un grande successo per il Trofeo della Liberazione di ciclismo giovanile. Lo spostamento dal centro storico al Parco Primo Maggio ha privato della bellezza e del calore del centro storico ma ha permesso lo svolgimento delle gare in assoluta sicurezza ed ha inoltre consentito ai ciclisti, agli accompagnatori e alle numerose famiglie al seguito di godersi una giornata di relax nel verde del parco.. Il Trofeo della Liberazione è stato aperto come da programma dalle gare dei Giovanissimi, coordinate dai giudici Paola Dichiara, Caimmi, Pacioni e Marco Sampaolesi; 222 i partenti: 201 tesserati e 21 non tesserati per la fase “promozionale” della manifestazione.

La società più numerosa è stato il Circolo dei Senza Testa Osimo con 28 iscritti, seguito dalla Scuola di ciclismo Potentia Rinascita, quindi la Polisportiva Morrovallese, La Montagnola Porto Sant’Elpidio Montegranaro, Pedale Chiaravallese, Perla dell’Adriatico e Alma Juventus Fano. I migliori risultati di squadra li ha realizzati la Perla dell’Adriatico Grottammare con 29 punti, secondo posto per la Potentia Rinascita con 23, terzo il Circolo dei Senza Testa Osimo con 19, quarto il Free Photobike Team Sambucheto di Montecassiano, quinta posizione per i piccoli ciclisti locali. Queste le vittorie di categoria nel settore maschile: G1 Nicholas Malizia (Perla dell’Adriatico), G2 Federico Marziali (San Filippo Porto Sant’Elpidio), G3 Luca Ruffini (Polisportiva Morrovallese), G4 Alessandro Marinozzi (Porto Sant’Elpidio Montegranaro), G5 Christian Nepa (Perla dell’Adriatico), G6 Filippo Rocchetti (Free Photobike Team). Nel settore femminile vittoria per Aurora Del Monte (Polisportiva Morrovallese, G1), Laura Doria (La Montagnola, G2), Anastasia Carbonari (Potentia Rinascita, G3), Monica Verdenelli (Free Photobile Team, G4), Alice Rossini (Club Corridonia Otm, G5) e Celeste Mozzoni (Perla dell’Adriatico, G6). Per il Pedale Chiaravallese bene Sara Kasozi e Agnese Quagliani nella G4 (seconda e terza), Gaia Branchesi, terza nella G5, e Manuela Stortoni, seconda nella G1. Piazzamenti per Giovanni Kasozi e Massimiliano De Luca nella G5 maschile e per Marco Caimmi nella G6.

ESORDIENTI - Vittorie di Marco Cingolani (Sporting Club Sant’Agostino Castelfidardo) e di Giuseppe Bertolini della Pro Bike Roma. Cingolani ha superato nella gara del Primo Anno il compagno di squadra Marco Pellegrino e Michele Gnagni del Gubbio Ciclismo Mocaiana, quarta Ilaria Ghergo, sempre dello Sporting Club Sant’Agostino, quinto Matteo Occhialini della Pesarese. Per il Secondo Anno il laziale Bertolini ha vinto su Mattia Lupini (Gubbio Ciclismo Mocaiana), Michele Mencarelli (Alma Juventus Fano), Antonello Colecchia (Pedale Rosso Blu San Benedetto) e Marco Cardarelli del Foligno. Francesco Catena del Pedale Chiaravallese ha chiuso in settima posizione.

ALLIEVI - Quarta vittoria stagionale per il velocista ascolano Rino Gasparrini del Team Ceci. Ha provato a sorprenderlo Paolo Lippi del Recanati, scattato in anticipo nella volata a ranghi compatti, ma il recupero di Gasparrini non gli ha lasciato scampo. Terzo posto per Luca Macellari della Rinascita Porto Potenza Picena, quarto Raffaele Rinaldelli (Potentia).
FRANCESCO FIORDOMO,